Radioterapia pediatrica, Lorella Cuccarini madrina dell’inaugurazione al Ruggi

È il primo reparto di radioterapia pediatrica nel Sud Italia. Nasce a Salerno, all’Azienda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona, con il contributo di tanti benefattori ma soprattutto grazie a Open e a Trenta Ore per la Vita. Ad inaugurare il reparto la testimonial di Trenta Ore per la Vita Lorella Cuccarini insieme alla direttrice della onlus Rita Salci. «Possiamo realizzare questi progetti in tutta Italia grazie al sostegno della Rai e di tanti colleghi che ci aiutano a raccogliere fondi da destinare a queste importanti iniziative» fa sapere la conduttrice. Il reparto, chiamato “Isola dei Tesori”, permetterà a tanti neonati e bambini del Mezzogiorno di poter eseguire i cicli di radioterapia senza programmare lunghi viaggi negli ospedali del settentrione. È costato 130mila euro ed è tutto finanziato da benefattori che hanno creduto nel progetto di Anna Maria Alfani presidente della onlus Open. Un’area, quella consegnata ieri mattina nelle disponibilità del dirigente della radioterapia Davide Di Gennaro, realizzata a misura di bambino dove le ore trascorse in reparto possano essere meno difficili per i piccoli pazienti e per le loro famiglie.

«Sentiamo l’obbligo di fare qualcosa per tutti i bambini che se ne sono andati e per quelli che stanno combattendo in queste ore – dice emozionata l’ideatrice di questo progetto – per alleviare le sofferenze e rendere migliore il tempo passato in ospedale». Questo mini reparto è formato da due camere singole utili in attesa del risveglio dall’anestesia per i bambini sino ai 5 anni di età e da un’area ludoteca e un giardino all’esterno. «E’ solo l’inizio di quello che noi genitori siamo determinati a fare e una buona politica passa per una buona sanità» afferma la presidente Anna Maria Alfani.

Raimondo Aufiero

Condividi su
0

Vuoi seguirci sui Social? Puoi farlo da qui!